Citisina, un metodo efficace per smettere di fumare

E tu, bruxi?
Febbraio 15, 2016
Mostra tutti

Citisina, un metodo efficace per smettere di fumare

Citisina, farmaco antifumo
Chi vuole smettere di fumare, ora ha un’arma in più: la citisina.

Si tratta di un medicinale conosciuto e studiato dagli anni ’60 nella lotta contro il fumo, ma NON è venduto in Italia come farmaco industriale già pronto (come invece avviene in altri paesi europei con il nome di Tabex); può essere tuttavia preparato dalle farmacie che dispongano di un laboratorio galenico attrezzato.

LA CITISINA
La sostanza è naturalmente presente nella pianta Citisus Laburnum L, diffusa in varie parti d'Europa, e viene estratta dai suoi semi. La Citisina non è nicotina, ma ha un'azione nicotino-simile che può portare ad una graduale diminuzione ed interruzione della dipendenza psichica e fisica da nicotina nei fumatori. Detto in parole ancora più semplici: permette di evitare i sintomi da astinenza legati alla cessazione del fumo.
LA TERAPIA
Come per altri farmaci utilizzati nella disassuefazione da fumo (nicotina, vareniclina) non è possibile garantire il successo della terapia. E’ sempre necessaria la volontà del paziente e la consapevolezza che il farmaco è un aiuto, non la soluzione finale.

lo schema terapeutico
Ma come funziona un ciclo di citisina? Qual è lo schema terapeutico? Le capsule di citisina vanno assunte indipendentemente dal pasto, ma secondo uno schema ben preciso.
Fondamentale è tenere a mente che dall’inizio dell’assunzione di citisina è necessario ridurre progressivamente il numero di sigarette fumate fino ad interruzione completa del fumo entro il 5° giorno di trattamento.

La terapia classica dura 1 mese, precisamente 25 giorni secondo il seguente schema terapeutico:
  • 1° al 3° giorno: 6 capsule al giorno
  • dal 4° al 12° giorno: 5 capsule al giorno
  • dal 13° al 16° giorno: 4 capsule al giorno
  • dal 17° al 20° giorno: 3 capsule al giorno
  • dal 21° al 25 giorno: 1- 2 capsule al giorno

  • Nel caso le 6 capsule iniziali dovessero causare qualche effetto fastidioso, è possibile rendere più leggero l’inizio terapia con citisina utilizzando uno schema posologico detto di “induzione”:
  • 1°giorno: 2 capsule al giorno
  • 2°giorno: 3 capsule al giorno
  • 3°giorno: 4 capsule al giorno
  • 4°giorno: 5 capsule al giorno
  • dal 5° al 7° giorno: 6 capsule al giorno (interruzione completa del fumo entro il 5° giorno di trattamento)
  • dal 8° al 15° giorno: 5 capsule al giorno
  • dal 16° al 19° giorno: 4 capsule al giorno
  • dal 20° al 30° giorno: 3 capsule al giorno

  • controindicazioni
    Si tratta di un farmaco vero e proprio, quindi in alcuni casi non è possibile utilizzarla o sono necessarie precauzioni; l’effetto collaterale maggiore e frequente è la gastrite.
    Questo la rende non utilizzabile in coloro che soffrono di gastrite acuta o gastrite non trattata (mentre può essere utilizzata da chi ha avuto una pregressa gastrite o la sta trattando con farmaci appositi).
    Altri effetti collaterali minori che possono esserci (sopratutto in caso di sovradosaggio) sono nausea, vomito, tachicardia e debolezza muscolare.

    In Italia, la citisina NON è un farmaco acquistabile liberamente: per poter acquistare farmaci a base di citisina capsule è necessaria una ricetta medica ripetibile redatta dal Medico (qualsiasi medico può fare la ricetta).

    Per ulteriori informazioni, rivolgetevi presso la Farmacia Cabras o visitate il sito www.progettocitex.it